News

Vitra sedute.

Fin dalla nascita dell’azienda negli anni ’50,  il grande punto di forza di Vitra è stato coniugare il design con l’ergonomia e, su una sponda solo apparentemente opposta, con l’arte, in un dialogo continuo che ha portato il brand a diventare l’emblema dell’innovazione e della bellezza nel campo dell’arredamento.

Già alla nascita dell’azienda in una cittadina  lungo la sponda orientale del Reno presso Basilea,Weil am Rhein, il suo fondatore, Wili Fehlbaum, vide nelle opere dell’eclettica coppia Charles e Ray Eames e di George Nelson un punto saldo da cui spiccare il volo. I tre, noti come i padri fondatori del modernismo americano, regalano all’azienda svizzera di arredamento linfa creativa che attraverso il design organico dalla linee fluide e morbide degli Eames e allo studio sui vincoli culturali ed economici del design di Nelson, fanno diventare la produzione Vitra una vera e proprio collezione di opere valide anche sotto un profilo artistico, che chi lo desidera può ammirare in un museo creato a Weil am Rhein.

Il proficuo rapporto tra design e arte però – come ha insegnato Charles Eames – significa anche e soprattutto rifuggire dagli eccessi. Occorre sapere moderare la creatività  in nome delle esigenze pratiche. Quello che dà davvero valore al prodotto è la individuale, consapevole visione del mondo dell’autore, fatta di intuizioni ed esperienze estetiche non meno che di attenta analisi del reale. In sostanza l’interesse rivolto a ergonomia, ecologia, logistica, qualità dei materiali non cancella la centralità dell’approccio antropologico, che è poi l’unica via per proporre soluzioni davvero in linea con le necessità del mondo moderno.

 Le sedute ufficio Vitra , per cui Livingoffice si propone ora come dealer  , sono il frutto di questo lavoro e di questa concezione, che consentono al design nella sua versione più raffinata di proporre soluzioni di grande valore estetico anche negli spazi lavorativi, luoghi deputati per eccellenza alla funzionalità. Alcuni esempi: le Aluminium Chairs e le Plastic ArmChairs degli Eames, le Physix di Alberto Meda o l’ Alcove HB Sofa di Ronan e Erwan Bouroullec. Le proposte sono comunque estremamente variegate sia in termini estetici sia per quanto riguarda i costi.